G E N N A I O   2 0 1 5


"CIAO 2014"

FOTO: PAOLO GENOVESI

Caro 2014, anche tu, come tutti gli altri anni, te ne vai...Lo so che non è niente di personale, devi semplicemente andare...Dovremmo imparare anche noi da questo concetto, si arriva, si fa quello che si deve fare e si va via...
Non ti ho accolto molto bene, ho scelto il fuso italiano e ti ho un po' snobbato, ma tu ti sei subito ribellato facendomi capire che saresti stato tosto con me, che mi avresti dato fatiche, dolori, ma anche tante gioie nuove...e mi hai subito messo alla prova dandomi un forte mal di schiena...dovevo capire molte cose che non volevo capire...molte le ho capite, altre ci sto provando...Poi mi hai dato 6 dei tuoi preziosi mesi, per scrivere un libro e l'ho fatto...Non ho scritto "Un" libro, ma ho fatto la cosa più difficile e più bella della mia vita... "Dopo di te". Hai scelto anche il compleanno del mio papà per farlo uscire, beh direi che ti sei organizzato bene. Quest'anno ho compiuto anche 40 anni ed è stato un traguardo importante, l'ho festeggiato con tante persone a cui voglio bene, alcune da sempre accanto a me e alcune nuove...e anche se i tuoi "colleghi anni precedenti" mi hanno portato via alcune persone con cui avrei voluto festeggiare, è stato comunque come lo avevo immaginato, anzi forse anche meglio. Mi sono sentita una gran bella 40enne. Ho imparato poi a fare tante cose nuove: Cucinare nella mia bellissima cucina nuova, i miei famosi cupcakes alla banana e le mie super lasagne al forno. Ho guidato una Ferrari ultimo modello, sono stata in cabina di un treno e ho danzato e donato a Papa Francesco un mio dipinto... Ho viaggiato sempre tanto ed incrociato i sorrisi e gli sguardi di tante persone sconosciute... Sono sopravvissuta ad un'estate tutta mia e ho fatto amicizia con la Signora "Indipendenza". Mi hai sfidato tante volte in una stanza viola tanto da diventare il mio nuovo spettacolo...tanto da trasformare dolore, rabbia, gioia, fatica, amicizia, amore, in nuove emozioni da condividere con tante altre persone...Hai riempito teatri con tanta gente che mi ha applaudito, che ha applaudito l'artista, ma sopratutto la donna...che ha applaudito le mie fragilità e le mie debolezze perché sono diventate anche la mia forza... Mi hai fatto conoscere tante persone nuove, alcune sfiorate, alcune che hanno contribuito in maniera importante alla mia vita...donandomi sincerità, sorrisi, abbracci e uno specchio con cui riflettermi e capire che Simona sto diventando...Hai portato via persone a cui volevo bene e che sono volate in cielo senza un perché, almeno non un perché che noi ora possiamo capire...ma mi hai donato la consapevolezza sempre più forte che sono ancora accanto a noi.
Mi hai donato questo ultimo viaggio di questo anno, difficile dalla partenza, ma importante perché è il vero viaggio dentro la parte più profonda di me...fino alla fine non ti sei smentito caro amico 2014. 
Allora CIAO 2014 portati via quella parte di me che non mi serve più, perché è Passato, proprio come lo sarai anche tu tra poco...così che io possa accogliere il 2015, questa volta, come merita...come un amico nuovo che entra nella mia vita...che starà "solo un lungo e breve anno" il tempo necessario per fare quello che deve...che non so cosa sarà, ma sarà un altro pezzo importante della mia vita...allora come in questa foto ti dedico il mio ultimo sguardo e sorriso e ti prometto che nessuno lo spegnerà mai....ma diventerà sempre più luminoso, ma non mi volterò più...devo andare per dare il BENVENUTO a questo 2015, ma sopratutto per dare il BENVENUTO a questa nuova Simona. 

(PAROLE :Simona Atzori)